La promessa degli Alt-J: l’oscurità è un’emozione perversa

Dopo due album di matrice folk-rock dalle forti speziature orientali nelle sonorità, i tempi, per gli inglesi Alt-J, erano maturi per decidere che tipo di evoluzione artistica intraprendere. E Relaxer, il loro nuovo disco, mette subito le cose in chiaro, confermando che a 6 anni dall’esordio, gli Alt-J sono l’unica grande promessa mantenuta (musicalmente) degli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.