La musica leggera gratifica come il sesso: lo dice il cervello

Uno studio scientifico cinese analizza le differenze neurologiche tra la classica e il pop
La musica leggera gratifica come il sesso: lo dice il cervello

Chissà cosa avrebbe detto Theodor Adorno, l’illustre filosofo di Francoforte teorizzatore della contrapposizione tra musica classica e musica leggera, se, oggi vivente, si fosse imbattuto nello studio dei quattro ricercatori cinesi dal titolo “La differenza nell’apprezzamento estetico tra musica d’arte e musica leggera”. La ricerca, recentemente pubblicata su una delle più autorevoli riviste scientifiche al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.