La Milano antifascista rinasce in Cooperativa (ricordando Strehler)

A vent’anni dalla morte del maestro, da ottobre a maggio andranno in scena quasi trenta spettacoli, di cui sette in prima nazionale e nove debutti meneghini
La Milano antifascista rinasce in Cooperativa (ricordando Strehler)

Una stagione dedicata al “vecio”, in arte Giorgio Strehler: venerato maestro; fondatore del Piccolo, primo Stabile italiano, e quindi del teatro pubblico; regista di genio; guastafeste per vocazione – lui che era nato alla vigilia di Ferragosto e morto a Natale nel 1997. Sono passati vent’anni da quel giorno luttuoso, e il Teatro della Cooperativa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.