La grande noia di un thriller complottista

Che peccato! L’approccio, denso di aspettative e perché no di entusiasmo, all’Angelo di Sandrone Dazieri svanisce dopo nemmeno 50 pagine. L’Angelo è il secondo capitolo della saga del Padre, il misterioso carceriere che ha tenuto segregato per anni Dante Torre, psicolabile zeppo di droghe e calmanti, con la fobia degli ambienti chiusi e la mania […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.