La Festa dei 5 Stelle acclama Raggi: zittiti i nemici interni

Palermo - La sindaca di Roma prima parla con Beppe Grillo, che le assicura autonomia, poi arringa la folla da leader nazionale: “Ci prenderemo prima la Sicilia e poi l’Italia”
La Festa dei 5 Stelle acclama Raggi: zittiti i nemici interni

Nella ressa saluta, ride e balla, come una diva. Sul palco parla, tanto, come una figura nazionale, che attacca Matteo Renzi e lancia il guanto: “Il no ai Giochi li ha fatti tremare, il referendum sarà la loro fine”. Tanto da scandire perfino gli obiettivi “del progetto” del M5s: “Prima Palermo, poi la Sicilia, quindi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.