La bellezza catartica del Teatro racconta gli inferi del manicomio

Claudio Fava porta in scena “La pazza della porta accanto” della Merini e cancella ogni distanz tra la storia e lo spettatore
La bellezza catartica del Teatro racconta gli inferi del manicomio

È un titolo mozzafiato La pazza della porta accanto. Evoca l’abisso nella prossimità del pianerottolo. C’è la vita di Alda Merini. E c’è il manicomio. L’Attrice con l’A maiuscola entra in scena – è a favore di luce – ed è elegante e così carismatica nel suo soprabito da sembrare arrivata direttamente dai cartelloni di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.