“Kamikaze a San Siro”. Notte di paura (per finta)

Esercitazione - Le squadre speciali reagiscono a un attacco simulato: prove generali per la finale di Champions della prossima settimana
“Kamikaze a San Siro”. Notte di paura (per finta)

Nel piazzale dello Sport davanti allo stadio Giuseppe Meazza di Milano sono le 20:50. Un kamikaze si è appena fatto esplodere. Altri due terroristi armati di kalashnikov hanno preso due ostaggi e si sono barricati nel lungo gabbiotto bianco della biglietteria. Alla centrale radio arriva la comunicazione: “Esercitazione, attentato, una persona si è fatta esplodere, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.