Io, le droghe, mia madre e tutti i (suoi) uomini

Io, le droghe, mia madre e tutti i (suoi) uomini

Un anno fa minimum fax scommise sul romanzo di una giovane autrice britannica facendo centro. Sete s’impose per la sua semplicità (apparente) tanto quanto per l’originalità della storia. Al punto da incuriosire molto sul prosieguo della carriera di Kerry Hudson. Non era né facile né scontato portare avanti una narrazione così originale, e al tempo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.