» Politica
giovedì 18/10/2018

Pace fiscale, impunità per chi ricicla soldi. E’ stato il Quirinale a bloccare la norma

Blitz - Nella bozza del dl fiscale spuntano norme non concordate con il M5S. Di Maio pronto ad andare in Procura, ma pensa alla Lega. Salvini replica : noi siamo gente seria

Ancora una “manina” a cambiare le leggi e stavolta la vicenda coinvolge anche il Quirinale e provoca l’inedita minaccia di un vicepremier, Luigi Di Maio, pronto a denunciare in Procura i tecnici del ministero delle Finanze. Nella bozza del decreto fiscale in possesso del Mef, infatti, sono inserite misure come la non punibilità per i reati di riciclaggio, uno scudo fiscale sui capitali all’estero, la sanatoria anche sull’Iva. Misure non concordate con il M5S che, infatti, Di Maio denuncia rabbiosamente durante la trasmissione Porta a Porta: “È accaduto un fatto gravissimo, il testo sulla pace fiscale che è arrivato al Quirinale è stato manipolato. Non so se una manina politica o una manina tecnica, in ogni caso domattina si deposita subito una denuncia alla Procura della Repubblica perché non è possibile che vada al Quirinale un testo manipolato”.

Il Quirinale, con una nota, smentisce di aver ricevuto il testo e Di Maio può spiegare che è sufficiente stralciare le norme contestate. Ma il testo, come spieghiamo più avanti, il Quirinale lo ha potuto esaminare. A essere chiamati in causa sono, però, anche i rapporti tra Lega e 5Stelle, pure se Di Maio ribadisce in tv la “piena fiducia” negli accordi presi con Matteo Salvini. Ma un dubbio sul ruolo della Lega, e in particolare di Giancarlo Giorgetti, viene instillato.

La bozza della “dichiarazione integrativa” con cui si potranno far emergere somme non dichiarate nel limite di 100 mila euro garantisce dalla punibilità per i reati regolati dagli articoli 648-bis e 648-ter del Codice penale: riciclaggio e uso illecito di denaro. Inoltre prevede il condono anche per le attività finanziarie e gli immobili all’estero, introducendo una forma di “scudo fiscale”.

L’irritazione dei 5Stelle nel momento in cui scoprono questa sorpresa dalle agenzie di stampa è massima e il dito, sia pure in forma ufficiosa, viene puntato contro la Direzione generale delle Finanze diretta da Fabriza Lapecorella. L’ennesima “manina”, dicono i 5Stelle, viene da lì.

Solo che stavolta gli uffici ministeriali vengono bacchettati, sia pure indirettamente, dallo stesso Quirinale che invita il ministero a rimuovere quella norma. Fonti dell’alto Colle romano, infatti, fanno sapere al Fatto di aver “chiesto di modificare le parti sulle depenalizzazioni” pur non sapendo “come le modifiche saranno effettuate”.

E le attenzioni del Quirinale non si sono limitate ai reati, gravi, cioè il riciclaggio e l’uso illecito di denaro, ma anche a quelli di dichiarazione fraudolenta e infedele che pure vengono depenalizzate dal decreto. Dopo le dichiarazioni di Di Maio una nota dagli uffici di Sergio Mattarella assicura che il testo non è mai giunto al Presidente. Ma l’intervento del Quirinale c’è stato.

Chi segue il dossier per conto del Movimento 5 Stelle assicura che “questi non sono gli accordi presi e noi non siamo certamente d’accordo”. E Di Maio dichiara che, in questa forma, il voto del M5S sul condono non ci sarà.

Come però la bozza sia stata scritta non è chiaro e chi ha avuto voce in capitolo sulla scrittura finale è abbastanza complicato da decifrare. Il testo, certamente, è frutto del lavoro della Direzione generale Finanze, quindi dipende direttamente dalla responsabilità politica di Giovanni Tria, il quale ha dovuto già affrontare il caso dell’intervento, presunto, di Roberto Garofoli nella norma sulla Croce Rossa che domenica è stata cassata dalla bozza di decreto fiscale. E che quindi resta un sorvegliato speciale.

I funzionari del Mef, però, assicurano di aver solo eseguito, come da prassi, le indicazioni della Presidenza del Consiglio. Tali indicazioni provengono dal verbale stenografico delle riunioni del governo che è redatto a cura di una figura istituzionale, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, cioè Giancarlo Giorgetti. A Bruno Vespa che, durante la puntata di Porta a Porta di ieri sera, gli chiede se dietro questa vicenda possa esserci proprio Giorgetti, Di Maio risponde laconicamente: “Non mi permetterei mai”. Però il nome circola e non è un caso se a tarda sera arriva la nota di Matteo Salvini: “Noi siamo gente seria non sappiamo niente di decreti truccati”. La prova di uno scontro aperto nel governo.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Pop bari, sospesa sanzione

Consob multa il revisore dei conti di Veneto banca

La Consob ha sanzionato per un ammontare complessivo di 600.000 euro Price Waterhouse Coopers, l’ex revisore dei conti di Veneto Banca.

L’ammontare complessivo deriva da una multa di 450.000 per i lavori di revisione sui bilanci di esercizio e consolidato 2014, da altri 100.000 euro riguardanti le verifiche sui requisiti di indipendenza del team di revisione nello svolgimento di un servizio non-audit prestato a favore dell’istituto e, per finire, da 50.000 per le verifiche effettuate sulla rilevazione contabile da parte di Veneto Banca dell’operazione di acquisto da JP Morgan Chase Bank di un portafoglio di prestiti ipotecari vitalizi.

Intanto la Corte d’Appello di Bari ha disposto la sospensiva del provvedimento con il quale Consob, nei giorni scorsi, ha multato i vertici della Popolare di Bari e l’istituto stesso, in qualità di responsabile amministrativo, per un totale di 1,95 milioni di euro. La Corte ha così accolto l’impugnazione dell’istituto. Nelle prossime settimane il procedimento andrà avanti con la comparizione delle parti.

Politica
Dottori in piazza

Niente finanziamenti per contratto medici e abolizione del ticket

Abolizione del superticket e rinnovo del contratto dei medici: le risorse nel Fondo Sanitario Nazionale per ora non ci sono, ma si sta facendo il possibile per trovarle. Nel giorno in cui i camici bianchi sono scesi in piazza a Roma, è il messaggio che arriva dal ministero della Salute, obbligata fare i conti con una coperta troppo corta. Il nodo riguarda le risorse per la sanità, che salvo sorprese, non andranno oltre il miliardo già previsto nella precedente Legge di Bilancio, ma “insufficiente a garantire il diritto di accesso alle cure da parte dei cittadini”, come denuncia Tonino Aceti, del Tribunale dei Diritti del Malato. Certo è insufficiente abolire il super ticket, ovvero i 10 euro aggiuntivi su ricetta, previsti in alcune regioni e ritenuti responsabili di penalizzare i meno abbienti. L’intervento poi depennato dal Consiglio dei Ministri, “non è rimandato, stiamo cercando risorse e non credo sia impossibile – assicura il ministro, Giulia Grillo – Se non arriverò all’abolizione comunque riusciremo a trovare qualcosa di più dei 60 milioni della precedente legge di Bilancio”. Poi c’è il rinnovo del contratto di medici e veterinari, che hanno manifestato a piazza Montecitorio. Scioperi previsti il 9 e 23 novembre.

La Cattiveria

La Cattiveria del 18/10/2018

Politica

Manovra, l’Avvocatura generale disse no a nuovi soldi per la Croce Rossa

“Ego te absolvo”: Apocalisse gaudente tra Vangelo e Marx
Politica
portfolio

“Ego te absolvo”: Apocalisse gaudente tra Vangelo e Marx

di
“L’arroganza dem viene dall’assenza di idee”
Politica
L’intervista - Dario Corallo

“L’arroganza dem viene dall’assenza di idee”

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×