Il western è vivo e lotta insieme a noi con gli artigli di un Wolverine invecchiato

Il ciclo di storie post-apocalittiche che ha ispirato il film
Il western è vivo e lotta insieme a noi con gli artigli di un Wolverine invecchiato

Da ormai trent’anni il western è morto come genere autonomo, riesumato solo da qualche citazionista come Quentin Tarantino, eppure ha lasciato una traccia indelebile e tutti i suoi schemi narrativi, grafici ed emotivi continuano a riemergere. A essere l’architrave per generi in teoria lontanissimi, come i fumetti di supereroi. Panini Comics, per esempio, ha appena […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.