» Cronaca
sabato 18/08/2018

Ponte Morandi, “il test elettrico poteva salvarlo”. E i lavori erano previsti solo dall’autunno 2018

Il crollo - La prova della scarica attraversa i cavi e ne rivela lo stato di salute: non veniva fatta dal 2017. La commissione del Mit: “La rottura dei tiranti è un’ipotesi di lavoro seria”

“L’ultimo test su tiranti e stralli basato su scariche elettriche risale al febbraio 2017”, dichiara al Fatto un alto dirigente di Autostrade. Prima, quindi, dello studio del Politecnico che lanciava un allarme sullo stato del pilone 9 (quello che ha ceduto). Mentre i lavori erano previsti per l’autunno 2018.

“Noi abbiamo consegnato il nostro studio nel novembre 2017. Abbiamo tenuto a non fornire ad Autostrade soltanto i dati, ma ci siamo sentiti in dovere, per una questione etica e professionale, di aggiungere un’analisi che conteneva i nostri timori. So che poi hanno deciso un intervento rapido. Ma viene da chiedersi perché si siano aspettati vent’anni” (da quando cioè era stato compiuto l’intervento sul pilone numero 11), spiega Stefano Della Torre che guida il Dipartimento di Architettura e Ingegneria della Costruzioni del Politecnico di Milano, che effettuò uno studio commissionato da Autostrade sul ponte Morandi, evidenziando per il pilone 9 dati “non del tutto conformi alle attese e certamente meritevoli di approfondimenti teorico-sperimentali”.

È la domanda principale cui cercano risposta la Procura di Genova (che ieri ha sequestrato il viadotto e il materiale – mail e atti interni – relativo ai controlli) e la Commissione ministeriale che ieri si è recata sul luogo del disastro. Insomma: Autostrade, dopo l’allarme del Politecnico di Milano, ha agito in modo tempestivo e ha fatto i controlli? La prova della scarica elettrica – che attraversa i tiranti degli stralli e ne rivela lo stato di salute – non era stata ripetuta (comunque si era nei termini di legge). Ma ci sono altri test: “Abbiamo compiuto, l’ultima volta nel giugno 2018, i controlli di legge”, riferiscono i dirigenti della società. Sono le cosiddette “ispezioni manuali”: “Noi ingegneri venivamo issati a 90 metri di altezza con una gru e controllavamo centimetro per centimetro lo stato del cemento e la presenza di crepe”, racconta un ingegnere di Autostrade, “il problema era che ogni volta dovevamo bloccare il traffico o deviarlo”.

La rottura dei tiranti è “un’ipotesi di lavoro seria” , ha detto Antonio Brencich, docente dell’università di Genova e membro della commissione del ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture che indaga sul crollo. A dare consistenza all’ipotesi ci sono le parole di alcuni testimoni: “Ho visto i tiranti spezzarsi contemporaneamente, poi sono caduti sulla carreggiata, l’hanno fatta salire in alto e dopo si è spezzata la campata”, ha raccontato Maria Marangolo, infermiera.

Le condizioni del ponte erano state oggetto di una Commissione in Consiglio Comunale il 18 luglio scorso: “Io non nego che ogni volta che passo su quel ponte, non dico che proprio accelero sennò prendo la multa, ma cerco di attraversarlo il più velocemente possibile, perché se non altro per la legge dei grandi numeri… prima o poi quel ponte non ci sarà più”, disse Mauro Avvenente (Pd). Mauro Moretti, dirigente Maintenance di Autostrade descrisse così la situazione: “I lavori di manutenzione sono stati fatti, ovvio. Chiaro, però, che l’opera non può diventare un coacervo di ulteriori strutture che poi appese sopra diventerebbero un appesantimento di un ponte progettato per essere snello”. Già questo passaggio ha attirato l’attenzione degli investigatori. Tradotto: i lavori di manutenzione possono aver alterato la statica del ponte, magari con un peso eccessivo? Moretti prosegue: “È chiaro che l’opera ha ormai cinquant’anni e tra l’altro è oggetto di aggressione continua degli elementi atmosferici, siamo in un ambiente salino, vicini al mare…”.

Moretti accenna all’aggiunta sul Morandi di un carro ponte. Poi il dirigente di Autostrade annuncia: “Sull’opera è previsto un intervento molto importante nel prossimo futuro… per quanto riguarda le opere di sostegno e quindi gli stralli”. Proprio come quello realizzato negli Anni Novanta. Moretti spiega che il cantiere doveva essere avviato nel settembre 2018. Ancora un anno abbondante quindi.

Ma a quali controlli era sottoposto il Morandi? C’era il test della scarica elettrica, che però risaliva al febbraio 2017. “Negli Anni Novanta poi avevamo installato un sistema di monitoraggio costante basato su inclinometri, i dati venivano inviati a una centralina alla base del ponte”, racconta un ingegnere che aveva effettuato i lavori all’epoca. Ora i periti dovranno stabilire se questo sistema fosse ancora in uso e se comunque non fosse superato.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Le opere dell’ingegnere

“Sindrome Morandi”, da Verona a Benevento chiusure e proclami

Da Verona ad Agrigento è “sindrome Morandi”. Dopo la sciagura di Genova in tutta Italia è allarme per le opere realizzate dall’ingegnere romano scomparso nel 1989. Dopo Agrigento, che valuta seriamente l’ipotesi dell’abbattimento del Ponte che collega la città con Porto Empedocle (chiuso da diversi mesi) e le rassicurazioni dell’Anas sulle condizioni del viadotto firmato Morandi a Catanzaro, ieri è stato il turno di Benevento. Clemente Mastella, sindaco della città sannita, ha dato indicazione di chiudere il Ponte San Nicola, opera di Riccardo Morandi realizzata nel 1955 e che prende il nome dal torrente sottostante. La decisione, spiega Mastella, è stata presa “per motivi precauzionali a seguito della relazione del capo dell’ufficio tecnico, ingegner Perlingieri” e “in attesa che la commissione di esperti delle Università di Benevento e Napoli e l’Anas, che collaborerà con i suoi tecnici per un’intesa con il presidente Armani, ci darà il responso definitivo”.

Mastella si dice consapevole che “ci saranno dei problemi di traffico e dei sacrifici, e me ne dispiace. Ma – conclude – la sicurezza dei cittadini, di Benevento e non, è per me e la mia amministrazione un bene primario e intangibile con qualsiasi altra ragione”. L’ordinanza resterà in vigore fino a quando la commissione tecnica, che sarà composta anche da diversi esperti esterni all’amministrazione comunale, non garantirà la sicurezza del ponte, già oggetto di lavori di consolidamento due anni fa in seguito all’alluvione del 2015.

La sindrome però è andata oltre. L’ingegner Morandi, infatti, nel 1953 diresse i lavori per il rafforzamento di un’ala dell’Arena di Verona. Il comune di Verona ha sentito ieri il bisogno di precisare che “l’ala dell’Arena, stabilizzata negli anni 1954-1955 con un pionieristico progetto di Riccardo Morandi dal 2012 è monitorata quotidianamente, grazie ad un sistema altamente innovativo di osservazione statica e dinamica. Tutti i dati vengono registrati e, grazie ad una convenzione con l’Università di Padova, vi è una lettura continua dei movimenti non solo dell’ala ma anche del resto dell’anfiteatro”.

Cronaca

Graziano Delrio

Cronaca

Funerali di Stato, ma per pochi: “Li avete uccisi”

Scuola in ritardo per l’assunzione di 30 mila docenti
Cronaca
In cattedra

Scuola in ritardo per l’assunzione di 30 mila docenti

di
Niente più bambini stranieri a scuola
Cronaca
La Storia • Laboratorio Lodi

Niente più bambini stranieri a scuola

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×