Il partito dei rettori siciliani, sempre tesi al governo regionale

Gli ultimi sono Micari e Lagalla: i Magnifici isolani si danno alla cosa pubblica. Qualcuno, però, fa pure il viaggio inverso
Il partito dei rettori siciliani, sempre tesi al governo regionale

Un rettore di qua, un rettore di là, un rettore di sotto e uno di sopra. Nella leggendaria Sicilia la scienza arde di passione e non c’è professore universitario che negli anni non abbia messo le sue virtù a disposizione del bene comune. Controvoglia, magari. Com’è accaduto a Fabrizio Micari, un ingegnere ordinario di Tecnologia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.