Il paradosso di Guantanamo

Obama ha inaugurato all’Avana il nuovo corso con il regime comunista parlando di diritti umani, ma non ha ancora risolto il nodo del carcere della guerra al terrore
Il paradosso di Guantanamo

Desiderosi di normalizzare le relazioni fra i loro due Paesi, e orgogliosi di farlo, Barack Obama e Raul Castro si chiedono l’un l’altro, come suggello del passo compiuto, l’impossibile, o almeno quello che né l’uno né l’altro sono in grado di fare da soli. Obama sollecita il rispetto dei diritti dell’uomo e la libertà d’espressione, […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.