Il papà della Boschi è indagato anche per il crac Etruria

Buonuscite milionarie, consulenze d’oro e prestiti facili hanno affossato la Banca. Le opposizioni: il ministro si deve dimettere
Il papà della Boschi è indagato anche per il crac Etruria

Pier Luigi Boschi è indagato per bancarotta fraudolenta nel fascicolo aperto un mese fa dal procuratore di Arezzo, Roberto Rossi, anticipato dal Fatto il 12 febbraio scorso. Con il padre del ministro è iscritto l’intero consiglio di amministrazione della vecchia Popolare dell’Etruria, guidata da Lorenzo Rosi (il papà della Boschi era vice presidente). Ieri M5S, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.