Il Monk di Beasley è “big” e pieno di giovani talenti

Il Monk di Beasley è “big” e pieno di giovani talenti

Strano destino quello di Thelonious Monk. In vita, e soprattutto nella prima parte della sua carriera, faceva fatica a farsi accettare. Comprendere. E quindi incidere e promuovere la propria musica. Da un decennio ormai, invece, è universalmente (e finalmente) considerato un Maestro. Non c’è solista, leader, organico ristretto o allargato che non intenda cimentarsi con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.