Il ministro della propaganda identitaria cerca soldi e staff

Molte sparate, ma su Famiglia e Disabilità non ha fondi suoi e dipende dai colleghi
Il ministro della propaganda identitaria cerca soldi e staff

Nel nome dell’identità nazionale contro i globalisti: con questa trama ideologica Lorenzo Fontana, ministro della Famiglia e della Disabilità, lanciava il 3 agosto la proposta dell’abolizione della Legge Mancino, definita “una sponda normativa usata dai globalisti per ammantare di antifascismo il loro razzismo anti-italiano”. Fontana, vice segretario della Lega, ex capogruppo a Bruxelles del Carroccio, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.