Il grande crogiuolo di incertezze dove è nato il Barocco

Le scoperte geografiche fanno vacillare l’idea antica di mondo e aprono la strada alle intuizioni di Keplero e Galileo
Il grande crogiuolo di incertezze dove è nato il Barocco

Le scoperte geografiche dell’Europa moderna diedero completezza allo scibile geografico, ma la vastità delle civiltà lontane incrinò il ruolo della Chiesa. Per Guicciardini le esplorazioni avevano “confuso gli scrittori di cose terrestri” e “dato qualche angoscia agli interpreti delle scritture sacre”. Cercando di rappresentare fedelmente un mondo pieno di anfratti, nacquero deformazioni destinate a durare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.