Il funzionario cattivo di Etruria e le scoperte dell’acqua calda

C’è la prova. Il documento. La carta. La Procura di Arezzo ha scoperto un prezioso manufatto che svela la truffa di Banca Etruria: colpa di dirigenti infedeli, forse spinti da un’occulta regia. Un documento interno dell’istituto toscano, datato maggio 2013, racconta il perfido piano: piazzare le obbligazioni subordinate – strumenti divenuti assai rischiosi col bail-in, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.