» Politica
sabato 21/04/2018

Governo, il Quirinale e “i due ladri di Pisa”. E per lunedì si prepara Roberto Fico

Il fastidio di Mattarella per i leader di M5s e Lega che litigano di giorno e trattano di notte: ultima chiamata per la rottura a destra
Governo, il Quirinale e “i due ladri di Pisa”. E per lunedì si prepara Roberto Fico

I“due ladri di Pisa”. È un’immagine classica del teatrino della politica. Di giorno si litiga. E di notte si tratta. Indi, ricomincia tutto daccapo, provocando rabbia ed esasperazione tra chi assiste a questo spettacolino stucchevole. I “due ladri di Pisa” è una metafora che riecheggia soffusa anche al Quirinale, dove siede lo spettatore più autorevole e paziente di questo teatrino. I “due ladri” sono Luigi Di Maio e Matteo Salvini e le loro “furbizie tattiche” hanno stancato il capo dello Stato ben oltre una soglia ragionevole di comprensione. Al Colle l’umore volge decisamente al nero già da giovedì sera, come registrato dal Fatto di ieri, a maggior ragione dopo un pesantissimo venerdì, in cui il flop dell’esploratrice Elisabetta Casellati è stato accentuato dalle nuove tensioni tra Berlusconi e Salvini. Il primo che apre al Pd e insulta i grillini, il secondo che si dice pronto a “trarne le conseguenze”.

Dichiarazioni, non fatti. Annotano con scrupolo al Colle. Del resto non è la prima volta che i due hanno fatto parlare di “centrodestra frantumato”. È accaduto sulle presidenze delle Camere, in una notte in cui prima B. dichiarò guerra alla Lega in difesa della candidatura di Paolo Romani alla presidenza del Senato. Poi fece pace con Salvini sul nome di Casellati.

Anche su questo, il presidente della Repubblica rifletterà da oggi a lunedì, quando ci sarà lo spoglio delle regionali in Molise, la prima “tappa” dei tatticismi salviniani nella trattativa con il M5s.

In ogni caso sul tavolo di Mattarella non ci sarebbe più l’opzione del pre-incarico a Salvini o a un altro esponente del centrodestra. Questo schema è morto, ormai. Vale sia per il leader leghista, che giovedì sera ha annunciato di voler “scendere in campo”. Sia per l’ex Cavaliere che ha pubblicamente aperto al Pd.

Resta però il filo sempre esile che porta a Lega e Cinquestelle, cioè ai “due ladri di Pisa”. Ovviamente tutto può succedere da qui a lunedì. Cioè che Salvini e Berlusconi rompano non solo a parole. Per il momento segnali concreti dalla Lega non ne arrivano in merito. Nonostante l’irruzione sulla scena politica della clamorosa sentenza sulla Trattativa tra Stato e Mafia e che conferma le tenebre inquietanti che avvolsero la nascita di Forza Italia. Su questo, ieri, Salvini non ha detto una sola parola. Né di solidarietà a Forza Italia, né nella direzione auspicata dai grillini.

Eliminata la possibilità di un pre-incarico – in base al colloquio avuto ieri con Casellati dopo la due giorni di esplorazione della presidente del Senato – e rimasto ancora in sospeso, a 48 giorni dalle elezioni, lo schema tra Cinquestelle e Lega, la carta su cui il capo dello Stato concentrerà la sua attenzione è il mandato esplorativo al presidente della Camera, Roberto Fico.

Dopo due consultazioni al Colle e il “giro” di Casellati, dovrebbe essere Fico l’uomo della quarta settimana dello stallo, a far data dal primo giorno di Mattarella a colloquio con i partiti, il 4 aprile scorso. La mossa del presidente della Repubblica è simmetrica a quella fatta con Casellati. A lei, espressione del berlusconismo e del centrodestra, è stato dato il compito di smuovere qualcosa tra i due schieramenti che l’hanno eletta.

A Fico, invece, che incarna l’anima di sinistra del grillismo, dovrebbe essere consegnato dal Colle un perimetro diverso: esplorare il nuovo terreno tra Pd e Cinquestelle. Ieri sera, però, al Quirinale è spuntata un’altra valutazione. Quella di inserire nel perimetro anche l’ipotesi dello schema M5s-Lega. In fondo chi meglio di un esploratore grillino può fare chiarezza sulla linea andreottiana di Di Maio con i cosiddetti due forni?

La prossima settimana, infatti, conduce all’ultima scadenza “regionale” indicata da Salvini a Di Maio: il Friuli Venezia Giulia. E senza dimenticare che solo l’accordo con la Lega darebbe a Di Maio la certezza di avere l’incarico per formare un governo e andare a Palazzo Chigi. Sempre che il capo del Carroccio rompa con l’ex Cavaliere.

Questi sono gli scenari esaminati al Colle, dove l’unica “consolazione” è che la fine di aprile rappresenta la chiusura della finestra elettorale di giugno. Un problema in meno.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Click

La ferita fatale del piccolo Silvio

Antichi sonoi fantasmi che deve fronteggiare in queste ore, il povero Silvio B. che oltrepassate le porte della sua quarta età, si è drammaticamente ritrovato nella prima, la sua triste infanzia, quando i cattivi compagni dei Salesiani gli dicevano che per lui non c’era posto in squadra, troppo magro, troppo piccolo. Ferita che gli sceneggiatori chiamano fatale e che nei romanzi fa muovere l’eroe – ostacolo dopo ostacolo, nemico dopo nemico – lungo la verticale del riscatto.

Per cancellare quel triste passato, Silvio B. non ha più smesso di comprarsi tutto il futuro che poteva, dai terreni alle ville, dalle femmine ai senatori. Ma la sua perenne condanna è che non può smettere di farlo. Per questo – suscitando in molti sorpresa, ma anche una piccola pena – non può andare a prendere il sole tra gli atolli come un qualunque miliardario alla sua età, ma è costretto a condividere l’ombra dei suoi giorni con gente come Letta, Tajani, Ghedini, coccolando il solo tesoro che ancora lo tiene vivo, essere solo lui il capoclasse. Lui l’arbitro e il campo da gioco. Lui tutto, naturalmente anche il pallone gonfiato. Il fischio finale non lo ammette. E di restituire il fischietto non se ne parla.

Politica
In regione

Lazio, Lombardi “appoggia” il Pd di Zingaretti

Già lo chiamano “laboratorio”, almeno quelli che sperano che il modello possa replicarsi anche a livello nazionale: parliamo del Lazio, dove – dal 4 marzo – va in scena una inedita e proficua collaborazione tra il Pd e Movimento Cinque Stelle. Protagonisti due che fino all’altro giorno erano acerrimi nemici: Roberta Lombardi e Nicola Zingaretti.

Ieri, l’esponente M5S – capogruppo in consiglio regionale – ha diffuso una nota in cui annunciava: “Abbiamo guardato i programmi, e abbiamo visto che ci sono dei punti in comune”.

Buona notizia per il governatore Pd che è stato rieletto alle elezioni di un mese fa, ma ha bisogno di un voto per avere la maggioranza dell’aula. “Noi ci siamo – ha detto ieri la Lombardi – anche col rischio di far fare bella figura a Zingaretti, questo rischio lo corriamo volentieri pur di fare il bene dei cittadini”. Zingaretti ovviamente ha apprezzato e, ringraziandola, ha aggiunto: “Aprire una fase nuova e pragmatica per cambiare e migliorare la nostra Regione sarebbe un esempio di buona politica”.

Vignette

La vignetta di Vauro del 21/04/2018

Vignette

Fatto a mano di Natangelo del 21/04/2018

“Rifaccio la sinistra unita: senza sfigati alle Europee”
Politica
L’intervista - Luigi de Magistris

“Rifaccio la sinistra unita: senza sfigati alle Europee”

D’Alema e Marx: “Una miniera d’oro”
Politica
Compagno max

D’Alema e Marx: “Una miniera d’oro”

di
Primarie del Pd: Renzi irrilevante come Calenda
Politica
IL sondaggio

Primarie del Pd: Renzi irrilevante come Calenda

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×