Il cinema ha la sua legge: più soldi per tutti (si spera non solo per i soliti)

Esultano il ministro Franceschini e le associazioni. Ma il rischio è che si consolidi il settore senza innovarlo
Il cinema ha la sua legge: più soldi per tutti (si spera non solo per i soliti)

Il ddl Cinema è legge. Dopo l’approvazione rapida e senza modifiche del testo alla Camera dei deputati, il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini si appunta la medaglia sul petto: “Una riforma attesa da oltre cinquant’anni, che prevede la creazione di un fondo completamente autonomo per il sostegno dell’industria cinematografica e audiovisiva e pone fine […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.