“Il ’68, rivoluzione infangata. Per gli psicanalisti fu un colpo”

“Quella parola andrebbe disinfestata. Il Maggio è stato una breccia perchè stabilì che nessun fondamento fosse certo”
“Il ’68, rivoluzione infangata. Per gli psicanalisti fu un colpo”

“Aquell’epoca tutto era desiderio.” Con questo ricordo laterale eppure così affabulante, il professor Edgar Morin – figura di prestigio della cultura contemporanea – inizia l’intervista. “Durante il maggio, le persone incontrandosi non potevano fare a meno di chiedersi ‘Qual è il tuo desiderio?’”. Ospite d’onore del Salone del Libro, oggi Morin dialogherà con Mauro Cerruti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.