Igor, due mesi di caccia inutile. “Allora boicottiamo le urne”

Ancora mille carabinieri impegnati. Costa allo Stato 200 mila euro al giorno: rabbia e paura nelle campagne emiliane
Igor, due mesi di caccia inutile. “Allora boicottiamo le urne”

Restare o restare. Per non farsi scappare Igor o anche solo per non perdere la faccia. Non c’è alternativa, bisogna far vedere che lo Stato ce la fa, mentre in molti cominciano a dubitare. Anche Maria, la moglie di Davide Fabbri – il barista ucciso il primo aprile – che chiede: “Serve una taglia. Bisognava […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.