“I miei occhi tra vip cafoni, bimbi soldato e Berlinguer”

Umberto Pizzi - Il Medioriente, il terrorismo, la Bella Vita con la macchina fotografica al collo. E ora il suo archivio è tutelato dai Beni Culturali
“I miei occhi tra vip cafoni, bimbi soldato e Berlinguer”

Umberto Pizzi da Zagarolo, prima offre la frittata e il limoncello fatti in casa, poi si accomoda in salotto e racconta la sua vita. “Perché a stomaco vuoto si lavora male”, dice lui che la fame l’ha sofferta, nel dopoguerra degli anni 50. Se all’epoca gli avessero detto che il suo archivio fotografico sarebbe diventato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.