“Ho smesso di farmi scegliere, adesso finalmente sceglierò”. La versione di C.

“Mio padre era un genio. Io sono un musicista, faccio quello che posso”
“Ho smesso di farmi scegliere, adesso finalmente sceglierò”. La versione di C.

Otto anni dai preti, a scuola. I primi calci sui denti già da allora, lui che era figlio di un anarchico, uno che scriveva canzoni sulle puttane. Così finiva a botte con i compagni, perché lui era Cristiano De André. “Mi prendevano in giro, a causa di mio padre. Non erano anni facili per dire […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.