Guy Delisle, tavole per una prigionia minimale raccontata in grigio scuro

Graphic novel - “Fuggire”, storia di Christophe André, rapito in Cecenia nel 1997
Guy Delisle, tavole per una prigionia minimale raccontata in grigio scuro

È possibile raccontare con i fumetti la storia di un tempo che non passa mai, quello di un ostaggio? Guy Delisle, 50enne fumettista canadese, ci è riuscito. Una stanza spoglia. Assi di legno inchiodate alla finestra. Solo un materasso a terra, mesi di prigionia per Christophe André, operatore di Medici Senza Frontiere, rapito in Cecenia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.