» Cultura
venerdì 21/04/2017

Guy Delisle, tavole per una prigionia minimale raccontata in grigio scuro

Graphic novel - “Fuggire”, storia di Christophe André, rapito in Cecenia nel 1997
Guy Delisle, tavole per una prigionia minimale raccontata in grigio scuro

È possibile raccontare con i fumetti la storia di un tempo che non passa mai, quello di un ostaggio? Guy Delisle, 50enne fumettista canadese, ci è riuscito. Una stanza spoglia. Assi di legno inchiodate alla finestra. Solo un materasso a terra, mesi di prigionia per Christophe André, operatore di Medici Senza Frontiere, rapito in Cecenia […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cultura

“Don Milani non era pedofilo. Walter Siti così si fa pubblicità”

Cultura

Non aprite la scatola dei ricordi: c’è del pop

Fresu e Devil Quartet colgono l’Italian style
Cultura
Carpe diem

Fresu e Devil Quartet colgono l’Italian style

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×