» Politica
sabato 17/06/2017

Lavoro e nuovi voucher, Camusso: “Governo succube dei poteri forti, sinistra senza programmi”

Per la segretaria della Cgil la reintroduzione dei buoni lavoro “dimostra che la politica non vuole interferire nelle imprese: ma la gente sa che abbiamo ragione”
Lavoro e nuovi voucher, Camusso: “Governo succube dei poteri forti, sinistra senza programmi”

Quanto accaduto sui voucher dimostra la debolezza della politica, la sua paura di interferire sui poteri economici. Ormai si rassegna”. Oggi il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, sarà in piazza San Giovanni a Roma per una manifestazione nazionale organizzata dal suo sindacato. E il tema centrale sarà la marcia indietro del governo sui voucher.

Tornate in piazza. Ma serve ancora farlo, nel 2017?

Serve eccome, per dimostrare che esiste un’altra idea, un’altra proposta. Non si tiene aperta una prospettiva diversa stando zitti.

Magari è solo una battaglia di retroguardia, che lascia indifferenti i più.

Secondo un sondaggio che abbiamo commissionato, per la maggioranza degli intervistati facciamo bene a protestare. Ma la cosa più interessante è che la gente è informata, sa di cosa si parla.

Però il governo ha reintrodotto ugualmente i voucher: solo per timore del vostro referendum?

La paura di confrontarsi con i cittadini ovviamente è stato il primo fattore. Ma c’è anche un altro timore, quello di cambiare rotta rispetto a politiche sul lavoro che ormai sono tutte nel segno della precarietà, e dell’abbattimento dei diritti.

Il Pd sotto Renzi è diventato definitivamente liberista?

Io ricordo che c’era chi, nel 2014, prometteva che la precarietà sarebbe scomparsa. E invece è aumentata.

Si potrebbe obiettare che così va il mercato, ovunque.

No. Il tema vero è che da certe forze non emerge un’idea alternativa sul lavoro e sulla società, o su come si regola la globalizzazione. Si preferisce delegare alle imprese, e lasciare che affrontino la crisi precarizzando il lavoro, con una competizione al ribasso.

I voucher però servono alle imprese. Altrimenti dilagherebbe il lavoro nero.

Il lavoro nero è cresciuto, nonostante i voucher. E per le imprese ci sono i contratti stagionali, quelli per i fine settimana o a giornata.

Il Pd non avrà idee, ma non è che a sinistra vada meglio. In Senato Mdp, Sinistra Italiana e i rappresentanti di Campo progressista hanno votato in ordine sparso sui voucher. Brutto, no?

Io auspico che questa sia una fase interlocutoria, di ricostruzione. E che il lavoro resti una discriminante su cui unirsi.

Il no alle nuove forme di lavoro non sa di rosso antico?

Faccio notare che Corbyn in Gran Bretagna ha ottenuto una grande affermazione coniugando la difesa dei diritti sociali con la modernità. Non sono concetti in contraddizione, nonostante quelli che dipingono i diritti come un retaggio novecentesco.

Oggi Campo Progressista sarà in piazza con voi.

Le nostre piazze sono aperte a tutti. E preferisco gioire per chi ci sarà piuttosto che lamentarmi per gli assenti.

Ma per unirsi la sinistra ha davvero bisogno di un federatore come Pisapia?

Non si deve partire da un leader, ma da un programma condiviso.

Alternativo a quello di Renzi?

Alternativo a certe politiche, come quelle sul lavoro. I nomi lasciano il tempo che trovano.

Non pare. Ha visto che attenzione verso Romano Prodi? Pisapia lo ha addirittura riproposto come candidato premier.

È la dimostrazione che la politica della rottamazione non solo non rinnova, ma impedisce il ricambio e la formazione di una nuova classe dirigente. La politica fatta sui social e a colpi di primarie non costruisce: mancano luoghi di partecipazione.

Oggi scenderete in piazza. E poi?

Faremo ricorso alla Consulta sui voucher, per violazione dell’articolo 75 della Carta (quello che regolamenta il referendum, ndr). Nessun giurista finora ci ha smentito. E porteremo avanti la nostra Carta dei diritti del lavoro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
A Benevento

La De Girolamo dice no a Mastella per la carica di vicesindaco

Il gran rifiutodi Nunzia De Girolamo a Clemente Mastella che le aveva proposto di diventare il nuovo vicesindaco di Benevento è da lei spiegato con parole di circostanza: “Lo ringrazio, ma sono una parlamentare di Forza Italia e non potrei mai fare la vicesindaco nei ritagli di tempo, è lontano anni luce dalla mia concezione della politica”. Da pochi giorni Mastella ha licenziato la vice Erminia Mazzoni ed è alla ricerca della persona giusta per ricoprire un tassello più delicato di quel che sembra. L’11 luglio infatti va a sentenza il processo che lo vede imputato di concussione a Bassolino per una vecchia nomina in Regione Campania, ultimo strascico sopravvissuto alla prescrizione degli anni ruggenti da Guardasigilli e leader dell’Udeur determinante per la tenuta del governo Prodi. In caso di condanna, scatterebbe la sospensione da sindaco. Determinante così la scelta di un vice che mantenga la rotta giusta senza mandare a fondo la nave. Il tempo di farci tornare su Capitan Mastella, con un’assoluzione in appello o la prescrizione che scatterebbe a giugno 2018.

Politica

Pisapia detta le regole: “Sciogliete Articolo 1”

Vignette

fatto a mano di natangelo del 17/06/2017

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 21 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×