» Italia
sabato 21/10/2017

Gioco d’azzardo, Tar del Lazio blocca i fondi anti-ludopatia: sì al ricorso Codacons su affidamenti opachi

Accolto il ricorso del Codacons: 50 milioni affidati dalle Regioni in modo opaco

L’intenzione era delle più nobili: finanziare coi soldi del ministero della Salute alcuni piani regionali per contrastare il gioco d’azzardo. Il problema, come al solito, stava nel metodo: bandi poco trasparenti, associazioni con palesi conflitti di interessi e milioni di euro sperperati in modo discutibile. Ieri mattina il Tar del Lazio, con una sentenza che ha accolto un ricorso presentato dal Codacons, l’associazione in difesa dei consumatori, ha bloccato tutto, annullando il provvedimento con cui il ministero aveva approvato i piani delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano, ovvero le proposte in merito al contrasto del gioco d’azzardo. Non solo: il Tar ha disposto anche il blocco all’erogazione dei fondi pubblici, circa 50 milioni di euro stanziati dalla Legge di stabilità 2015 che si sarebbero dovuti ripartire tra le regioni a seconda dei progetti presentati.

Nei piani del ministero, all’adozione del decreto sarebbe dovuto nascere un “Osservatorio per il contrasto della diffusione del gioco d’azzardo e il fenomeno della dipendenza grave” che, insieme al dicastero, avrebbe dovuto valutare i piani delle Regioni e delle Province autonome e dare il via libera ai fondi.

Le cose sono andate in maniera decisamente diversa (come anticipato dal Fatto mercoledì scorso). All’Osservatorio, di cui fa parte il Codacons, arriva ad aprile scorso un misero plico di tre pagine con scritto che il ministero approva, Regione per Regione, i piani proposti, senza specificare né i progetti messi in campo né a quali associazioni le Regioni avrebbero affidato i soldi.

Il Codacons decide allora di andare in fondo alla vicenda. Scopre che, per esempio, una delle società scelte per ricevere i soldi dal ministero in Toscana è l’Acli, Associazioni cristiane lavoratori italiani, ente di nobilissimi intenti che però, secondo il Codacons, non ha esperienza nella lotta alla ludopatia. O, ancora, scopre che la Campania aveva stabilito un contributo di 900mila euro già solo per il coordinamento dei progetti. Per non parlare, dicono in Codacons, dei soldi “ad associazioni legate ai singoli consiglieri o di cui i consiglieri stessi facevano parte”. E per fortuna che, poco prima, il Tar aveva escluso dall’Osservatorio Federserd, un’associazione che ha partnership aperte con Lottomatica e Sisal, due colossi delle scommesse sportive, messa lì dal ministero a vagliare i progetti contro la ludopatia. Un conflitto di interessi evidente, che aveva costretto il ministero a fare marcia indietro ed escludere Federserd dall’Osservatorio.

Altrettanto chiaro era che la valutazione dei piani non poteva essere così oscura, tanto che Codacons da mesi aveva chiesto al ministero di rimediare all’errore, prima del giudizio del Tar. Un pasticcio da milioni di euro, mentre la lotta alla ludopatia resta al palo e in anni di finanziamenti a pioggia non si hanno ancora dati certi sul numero dei giocatori patologici. La sentenza riporta tutto indietro: le Regioni dovranno presentare nuovi piani, questa volta, si spera, vagliati a dovere dall’Osservatorio.

di Lorenzo Giarelli

© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Italia
imputati cinque carabinieri

Morte Stefano Cucchi, inizia il 16 novembre il processo ai militari

Il processo nato dall’inchiesta bis sulla morte di Stefano Cucchi passa alla prima Corte d’Assise di Roma, dopo l’astensione della presidente della terza corte d’assise Evelina Canale per incompatibilità (poiché era stata già giudice del primo processo per la morte del giovane). Il procedimento, che vede imputati cinque carabinieri, inizierà il 16 novembre. Tre dei militari alla sbarra, Alessio Di Bernardo, Raffaele D’Alessandro, Francesco Tedesco, rispondono di omicidio preterintenzionale. Tedesco risponde anche di falso nella compilazione del verbale di arresto di Cucchi e calunnia insieme al maresciallo Roberto Mandolini, all’epoca dei fatti a capo della stazione Appia, dove venne eseguito l’arresto. Vincenzo Nicolardi, anche lui carabiniere, è accusato di calunnia con gli altri due, nei confronti degli agenti di polizia penitenziaria che vennero accusati nel corso della prima inchiesta sul caso. Nel procedimento si sono già costituiti parte civile, oltre ai familiari del giovane, il Comune di Roma, Cittadinanzattiva e gli agenti della penitenziaria accusati nella prima inchiesta sulla morte del giovane. Stefano Cucchi venne arrestato 15 ottobre 2009, morì il 22 ottobre.

Politica

“Meloni non si convince, ma questo voto serve”

Italia

“Le indagini a Siena su David Rossi, roba di un altro mondo”

Italia
il mistero

Caso Moro, l’imbarazzante covo delle Br

di
Il Senato rimborsa l’Imu a Caserta e non a Torino
Italia
Il caso

Il Senato rimborsa l’Imu a Caserta e non a Torino

di
L’agonia della Rai. Gabanelli approda al Corriere e a La7
Italia
viale mazzini

L’agonia della Rai. Gabanelli approda al Corriere e a La7

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×