Gianluca, il mio “ex” tirchio che seppellì il papà in saldo

Il racconto - Tra i “casi umani” incontrati dalla Lucarelli, l’individuo che provò a non spendere troppi soldi anche per le esequie del padre
Gianluca, il mio “ex” tirchio che seppellì il papà in saldo

La magagna di Gianluca era la sua tirchieria. Radicata, salda, inamovibile. Gianluca, in questo senso, non somigliava allo stereotipo del milanese in carriera. Lui non voleva fare soldi. Voleva preservarli. Viveva con la preoccupazione costante di dover mettere mano al portafogli, di essere fregato e derubato, di spendere più del dovuto, di non aver approfittato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.