Franceschini cede musei e arte di Ravenna senza gara ai privati

Lo Stato si ritira - Dalla Basilica Sant’Apollinare in Classe al Mausoleo, dal Palazzo di Teodorico al Battistero, si prende tutto “Ravvennatica”
Franceschini cede musei e arte di Ravenna senza gara ai privati

A Ravenna, dove nacque e si formò lo storico dell’arte e archeologo Corrado Ricci, creatore nel 1907 della rete nazionale di Soprintendenze statali, lo Stato non c’è più. Al suo posto subentra, per i monumenti ravennati, il Comune. Che però lascia subito il posto alla Fondazione privata Ravennantica, fondata dall’attuale assessora comunale alla Cultura, Elsa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.