» Cultura
venerdì 10/03/2017

Forte, amato, italiano ma nero. Il pugile cancellato dalla storia

Leone Jacovacci, sconfitto solo dal razzismo
Forte, amato, italiano ma nero. Il pugile cancellato dalla storia

Sul ring, il bianco e il nero, l’italiano e l’italiano (rin)negato. È il 24 giugno 1928, anno VI dell’era fascista, allo Stadio Nazionale di Roma sono radunati quarantamila spettatori, l’incontro viene filmato, e c’è pure l’inedita radiocronaca dell’Eiar: a incrociare i guantoni Mario Bosisio, campione nazionale ed europeo dei pesi medi, e lo sfidante Leone […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cultura

Pino Daniele, le zie ricche, le Vele e il vanto del dialetto

Cultura

Il valore dell’indipendenza: duecento case editrici in mostra a Milano

Cultura
Cinema - European Audiovisual Observatory 2017

Biglietti in calo in tutta Europa. L’Italia la peggiore: -12% di ingressi

Il fulcro della musica sacra di Bach è Bach
Cultura
L’analisi

Il fulcro della musica sacra di Bach è Bach

di
I giochi linguistici di Eco. Quando scrivere è genialità
Cultura
Della stessa pasta - Omografi, omonimi, omofoni

I giochi linguistici di Eco. Quando scrivere è genialità

di
Non tutti i nasi vengono per nuocere
Cultura

Non tutti i nasi vengono per nuocere

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×