Forte, amato, italiano ma nero. Il pugile cancellato dalla storia

Leone Jacovacci, sconfitto solo dal razzismo
Forte, amato, italiano ma nero. Il pugile cancellato dalla storia

Sul ring, il bianco e il nero, l’italiano e l’italiano (rin)negato. È il 24 giugno 1928, anno VI dell’era fascista, allo Stadio Nazionale di Roma sono radunati quarantamila spettatori, l’incontro viene filmato, e c’è pure l’inedita radiocronaca dell’Eiar: a incrociare i guantoni Mario Bosisio, campione nazionale ed europeo dei pesi medi, e lo sfidante Leone […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.