Foggia, nel “ghetto dei bulgari” la fine di un ragazzo tra le fiamme

Tra degrado e caporali - Ivan aveva 20 anni e si spaccava la schiena nei campi
Foggia, nel “ghetto dei bulgari” la fine di un ragazzo tra le fiamme

Morire a 20 anni nella periferia di Foggia a migliaia di chilometri da casa. Ivan Nikov Galochev viveva con il padre e la madre. La sua condizione, però, non era quella di un ragazzo della sua età. La mattina si alzava per lavorare nei campi e la sera tornava nel “ghetto dei bulgari”, in località […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.