Farage vince con la Brexit ma la fuga non convince

Il leader nazionalista: lascio, ho raggiunto il mio scopo

Altro colpo di scena nella lunga sit-com del dopo Brexit. Prima David Cameron (Tory), poi Boris Johnson e ieri ha annunciato le dimissioni Nigel Farage, il leader del partito UK Independence. E così, con Jeremy Corbyn (Labour) sotto attacco, ballano i vertici di tutti e tre i principali partiti britannici. “Durante la campagna elettorale ho […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.