Era “Misantropo” ma non così tanto

Era “Misantropo” ma non così tanto

Di questi tempi va di moda la commedia di Molière o di Goldoni, ma di commedia non se n’è vista una: la maggior parte dei registi, infatti, preferisce sacrificare le risate sull’altare della denuncia sociale, annacquando i canovacci comici, o tragicomici, per virarli in chiave pessimistico-esistenziale. Uff. Ne escono così commedie zoppe, poco divertenti, ma […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.