Enrico Letta, l’ultimo europeista

Il nuovo libro - L’ex premier contro l’alibi del populismo e la retorica dell’uomo forte
Enrico Letta, l’ultimo europeista

Solo uno come Enrico Letta, che ha scelto un esilio volontario dalla politica, poteva prendere una posizione così impopolare: difendere l’Europa, l’Unione e l’euro non perché rappresentano il male minore, ma come “aspirazione al meglio”. Il nuovo libro dell’ex premier esce oggi per il Mulino, Contro venti e maree. Gli appassionati delle faide interne al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.