Emmanuel Macron, “super leader” nato già vecchio

Ad ascoltare il presidente francese è tutto chiaro, le responsabilità sono nette: c’è un nemico dell’Ue, il nazionalismo illiberale, e una guerra civile sotterranea tra le forze della luce (lui e i suoi) e quelle dell’oscurità

Nelle ultime settimane Emmanuel Macron ha imperversato sui palcoscenici internazionali, dal Parlamento Europeo di Strasburgo al Congresso Usa, tra le ovazioni. Poco importa che la Francia sia paralizzata dalle proteste, come ha spiegato su queste pagine Filippomaria Pontani. Juncker ha salutato il suo discorso di Strasburgo esclamando: “È tornata la vera Francia!”. E Verhofstadt ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.