Emilio D’Alessandro, l’uomo che aveva le chiavi di Kubrick

Emilio D’Alessandro, l’uomo che aveva le chiavi di Kubrick

Al posto dei passeggeri, sui sedili posteriori, un enorme fallo di ceramica. Per le strade di Londra, in quel freddo 1970, ghiaccio, neve e un uomo solo alla guida, il tassista Emilio D’Alessandro da Cassino, precipitato in Inghilterra dieci anni prima per sfuggire al servizio militare, innamorarsi, sgobbare, sognarsi pilota di macchine da corsa e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.