“È legato ai capimafia del suo paese”. Ma le accuse di 4 pentiti non bastano

Concorso esterno - Non riscontrata l’ipotesi di legami organici con i clan nisseni
“È legato ai capimafia del suo paese”.  Ma le accuse di 4 pentiti non bastano

La foto ritrae due coppie sorridenti e rilassate sedute al termine di un pranzo nuziale: sono Antonello Montante, novello sposo con la moglie, e Vincenzo Arnone, figlio del boss Paolino, testimone di quelle nozze con la sua signora. Quella foto sequestrata dalla Dia di Caltanissetta (e ora nell’ordinanza cautelare) spiega le origini di un rapporto […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.