Diletta e Tiziana: i telefoni hackerati e tanta ipocrisia

Dal suicidio della Cantone abbiamo imparato soltanto a evitare brutte figure
Diletta e Tiziana: i telefoni hackerati e tanta ipocrisia

L’altro ieri mi trovavo a un pranzo con molta gente seduta attorno a un tavolo. Nel giro di cinque minuti, tutti i telefoni appoggiati su quel tavolo hanno cominciato a vibrare, lampeggiare, suonare in simultanea. Tutti, compreso il mio. Le chiacchiere erano interessanti quindi ho ignorato a lungo il telefono, ma intorno a me ho […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.