Deceduto davanti alla discoteca: “Morto per emorragia cerebrale”

Deceduto davanti alla discoteca: “Morto per emorragia cerebrale”

Un vero e proprio massacro. Una azione violenta, mirata, che non ha lasciato scampo a Giuseppe Galvagno, l’imprenditore di 49 anni massacrato di botte da cinque buttafuori nel parcheggio esterno di una discoteca dell’Eur, a Roma, sabato scorso. “Estesa emorragia cerebrale”, è l’esito dell’autopsia svolta presso l’istituto di medicina legale del Policlinico Gemelli. Intanto la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.