Csm, Canzio si ribella: “Nomine incoerenti”

Csm, Canzio si ribella: “Nomine incoerenti”

Protesta eccellente al Csm per la nomina di 25 giudici di Cassazione, votati a larga maggioranza. Il primo presidente della Suprema Corte Giovanni Canzio (membro di diritto del Csm), costretto ad astenersi per il suo ruolo, non le ha mandate a dire sui criteri di scelta. E non è una cosa di tutti i giorni. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.