Contro la ragion di Stato restiamo sentinelle della memoria

Mentre in queste bollenti ore di afa italica, ci si arrovella su presunti fantasmi di reati di lesa maestà nei confronti del nostro capo dello Stato, nessuno sembra degnarsi di ricordare Giulio Regeni, il giovane dottorando intelligente che, collaborando con l’università di Cambridge, è finito massacrato e gettato su una strada polverosa dell’Egitto nell’omertà delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.