Mentre in queste bollenti ore di afa italica, ci si arrovella su presunti fantasmi di reati di lesa maestà nei confronti del nostro capo dello Stato, nessuno sembra degnarsi di ricordare Giulio Regeni, il giovane dottorando intelligente che, collaborando con l’università di Cambridge, è finito massacrato e gettato su una strada polverosa dell’Egitto nell’omertà delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Abusi edilizi a Capri: la banda dei controlli “col buco”

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Franzaroli

next