Consumo del suolo, quel cemento che c’è anche se non si vede

Il rapporto Wwf - La frammentazione del tessuto abitato rende impossibile rilevare con precisione l’auemento dell’urbanizzazione
Consumo del suolo, quel cemento che c’è anche se non si vede

Un territorio polverizzato, l’urbanizzazione che cresce a ridosso della aree naturalistiche e di interesse comunitario, ma anche – pericolosamente – nelle zone sismiche. Insieme a una drastica riduzione delle aree agricole: benvenuti nel Paese del consumo del suolo, o della cementificazione che dir si voglia, fotografato dal rapporto del Wwf Italia Caring for our soil […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.