Compiti, volley e pipì. Le folli ordinanze dei sindaci-starlette

Le essenziali lotte dei Comuni: al bando libri delle vacanze e le partite in piazza Se poi manca la fantasia ci sono i classici atti contro le abitudini di migranti, rom e senzatetto
Compiti, volley e pipì. Le folli ordinanze dei sindaci-starlette

L’ordinanza è un’arte. Jimi Hendrix aveva l’assolo di chitarra, i sindaci hanno questo. Lo scopo talvolta è lo stesso: strappare un applauso. Luciano Barone, sindaco di Mamoiada in Barbagia, ne ha emessa una contro i compiti della vacanze. “I buoni cittadini devono avere un’educazione con basi solide che non si possono ricavare solo dai libri […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.