“Chiedere maggiore pluralismo è giusto. È strano che i consiglieri si oppongano”

“Chiedere maggiore pluralismo è giusto. È strano che i consiglieri si oppongano”

Bisogna partire da un punto fondamentale: tutti hanno diritto di parlare in teòlevisione, soprattutto se per televisione si intende il servizio pubblico della Rai. E tutti hanno il diritto di dire ciò che pensano su un partito, su un tema politico, sulle elezioni, su un referendum. Tanto più se riguarda la Costituzione italiana. Nessuna esclusa, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.