Che vinca il Sì o il No, torniamo al voto

Nelle spericolate acrobazie della sua campagna referendaria, Matteo Renzi è passato così due volte nel cerchio di fuoco delle dimissioni: se vince il No, lascio-non lascio-lascio. Tanto ha confuso le carte, e le idee, che ora né i suoi sostenitori né i suoi avversari possono essere più sicuri di indurlo a restare o a lasciare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.