Caterina e la sua poltrona, controcorrente come l’amore

L’omaggio di Nino Sgarbi alla moglie, volata via troppo presto
Caterina e la sua poltrona, controcorrente come l’amore

Fuori un principio d’inverno, dentro un tepore d’altri tempi. Il vino sopra al tavolo, le ore che passano, le parole, il Po che scorre lento ma inesorabile poco lontano dalla finestra. Il volo di una folaga disegna una linea oltre il vetro della finestra, la distrazione di Giuseppe dura un attimo, quando si gira la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.