Caos M5S, fuori pure Caiata: “Sapeva di essere indagato”

Il patron del Potenza calcio, candidato nell’uninominale, ha taciuto su un’inchiesta a suo carico. Di Maio lo caccia: “Via dal Movimento”. Lui non si preoccupa: “Non mi ritiro”
Caos M5S, fuori pure Caiata: “Sapeva di essere indagato”

Di buon mattino il candidato premier Luigi Di Maio incontra al Quirinale il segretario generale Ugo Zampetti e distribuisce sorrisi e promesse: “La prossima settimana manderemo al presidente della Repubblica la lista dei ministri”. Ma fuori del Palazzo per il M5S è già l’ennesima giornata da trincea per l’ennesimo candidato sbagliato, cacciato in tutta fretta. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.