Canapa caffé: Carlo e Luigi servono la cura al bancone

Due amici - Uno soffre di anoressia nervosa, l’altro di attacchi di panico. Il Thc è la loro medicina, il diritto alle cure una missione di vita. Per questo sfidano le regole zoppe e aprono un bar per “pazienti”
Canapa caffé: Carlo e Luigi servono la cura al bancone

Dietro una serranda tirata su a metà, due operai lavorano duro. Dove ora ci sono muri scrostati e pavimenti da rifare, tra un mese sorgerà la prima sala terapia per i malati che scelgono di curarsi con la cannabis. “Qui abbiamo scoperto un rifugio che risale alla seconda guerra mondiale”, spiegano Luigi e Carlo mentre […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.