Cambiando l’ordine di seno e gambe cambia anche l’identità

Appena passato al Festival delle colline torinesi, lo spettacolo sul sesso “50 Grades of Shame” del collettivo SheShePop è un inno alla liberazione, non dal corpo, ma del corpo
Cambiando l’ordine di seno e gambe cambia anche l’identità

La vergogna è il più umano dei sentimenti, e perciò forse il più insensato e misterioso, se persino Dio si sente di chiedere ad Adamo: “Chi ti ha fatto sapere che eri nudo?”. Di più, la “vergogna può essere fatale”, spiega il collettivo She She Pop in 50 Grades of Shame, che replica, l’8 luglio, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.